VUOTOCICLO

VUOTOCICLO III – I video monocanale

Il video monocanale è un tecnica della videoarte caratterizzata dalla diffusione dell’opera da un unico emittente, che sia una videoproiezione, un monitor o la rete.
Lo spazio narratologico è autoreferente e indipendente dall’ambiente circostante, esclude l’interattività, ma crea una tensione dialettica con lo spettatore, una dimensione emozionale e immaginifica. Il referente principale della genesi del videomoncanale è il sogno. La produzione onirica è una mono-visione individuale basata sull’inconscio collettivo ove attecchisce il patrimonio esperienziale della persona; allo stesso modo l’artista costruisce una visione personale sulla base degli archetipi collettivi.
I video monocanali possono essere di diversi generi quali: video poesia, video danza, video memories, video d’artista, video pittura, video emozionale, video tesi, video documentazione. Ogni genere ha le sue regole grammaticali e formali.
In questa breve selezione sono rappresentati alcuni generi.

OH!IDENTITY di Daria Baiocchi
Video emozionale
Dalle parole della tragedia greca alla filosofia, la problematica dell’identità ha accompagnato il processo del pensiero, riuscendo ad aprire nuove possibilità espressive laddove la fissità della tradizione e delle sue codificazioni non si sono imposte alla capacità creativa di trasformazione e liberazione della Cultura. In questo video, l’artista, con radicalità fenomenologica, si pone oltre l’appartenenza e il “genere” per interrogarsi, con la forza di un a-priori ora drammatico ora ironico, ponendo proprio la facoltà del domandare come la condizione di difesa dalla barbarie.

Libera Mazzoleni Da: L’Arte come “un pensare singolare”

IT’S COLD di Daria Baiocchi
Video poesia/tesi
(Artist: Danny Germansen; Production: Danny Germansen; Actor: Marek Magierecki; Camera: Steffen Graumann; Music: “Cold”-Daria Baiocchi)
Sentire il mondo come qualcosa di freddo e ostile.

CULLANDO PAROLE SVANITE di Trama Afona
Video poesia
L’autore trae ispirazione dall’usanza degli indigeni della Papuasia di sopprimere alcuni vocaboli in segno di lutto ogni volta che qualcuno muore. Solo una bambina si oppone in maniera creativa, inventando un alfabeto segreto e mettendo al sicuro le parole destinate all’oblio, archetipo della sensibilità e della femminile intuizione. Le donne salveranno il mondo?

NASCITA DI UN MAIALE ELETTRONICO di {movimentomilc}
Video tesi
“Sono solito ritornare eternamente all’eterno ritorno.
Di nuovo nascerai da un ventre, di nuovo nascerà il tuo scheletro, di nuovo
 percorrerai tutte le ore della tua vita fino all’ora della tua morte
incredibile.”
J.L.Borges

LA FORZA DELLE DONNE di Teresa Comberiati
Slide show –video doc
La forza delle donne, nasce come mezzo per raccontare storie di donne comuni, protagoniste di una vita insaziabile di lotte, una vita che non conosce nome, che non conosce passato, e ne sacrificio.
Queste donne, sopravvivono in un equilibrio precario tra le pieghe della realtà, e la loro è un esistenza passata a costruire un intricato sistema di difesa, in una quotidianità che costantemente lotta con i fantasmi del passato.
Ed è proprio in questo momento, che sboccia la forza di queste donne, aiutata a nascere dalla semplice linfa della sopravvivenza. Come l’Araba Fenice, l’anima risorge dalle proprie ceneri.

COME UNO di Nicoletta Freti
Animazione 3D video tesi
Secondo alcune scuole l’io non è una realtà monolitica ma è costituito da una molteplicità di aspetti (o sé interiori), molteplici sub‐personalità.
La nostra personalità è composta di molte parti (o sé interiori) differenti; ogni sé ha il suo modo di pensare e percepire cose e persone, esercitando una specifica influenza sulla fisiologia, la postura, il modo di respirare, il tono della voce, le scelte e la gestione delle interazioni”. Il video esplora la tensione tra alcune di queste parti – maschile e femminile – e la tendenza verso una possibile trasformazione, a livello interno.

a cura di Agata Chiusano

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il ottobre 16, 2012 alle 1:23 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: